Quando rinvasare le orchidee

Rinvasarle regolarmente garantisce loro una buona salute, il substrato in cui si trovano si decompone e perde molti nutrienti importanti. Inoltre le radici devono avere il giusto spazio per poter crescere, garantendo così anche alla pianta una rigogliosa fioritura.

Quali sono i segnali da non trascurare

  • Dopo la fioritura e quando sviluppano nuove radici o foglie.
  • Quando le radici e la pianta stessa iniziano a crescere troppo e non hanno più abbastanza spazio nel vaso attuale.
  • Quando non producono più fiori o non si formano più nuovi boccioli.
  • Se il vaso si rompe.
  • Se c’è un’infestazione di insetti.
  • Quando il substrato di coltura è umido e non drena in modo corretto.

Rinvasarle regolarmente garantisce loro una buona salute, il substrato in cui si trovano si decompone e perde molti nutrienti importanti. Inoltre le radici devono avere il giusto spazio per poter crescere, garantendo così anche alla pianta una rigogliosa fioritura.

Un altro importante elemento da tenere in considerazione quando si rinvasa un’orchidea è la scelta del vaso.

Quale vaso scegliere?

Come prima cosa, assicurati che abbia i fori di drenaggio, questa scelta eviterà accumuli di acqua molto dannosi per le tue orchidee. La soluzione migliore prevede anche un rialzo interno, come quello dei vasi Kalapanta, in questo modo sarai certo che le radici non rimarranno mai a contatto con l’acqua.
Inoltre, scegliendo un vaso in plastica trasparente, le radici avranno la giusta luce naturale che permetterà un ottimo sviluppo dell’apparato radicale.

Come prima cosa, assicurati che abbia i fori di drenaggio, questa scelta eviterà accumuli di acqua molto dannosi per le tue orchidee. La soluzione migliore prevede anche un rialzo interno, come quello dei vasi Kalapanta, in questo modo sarai certo che le radici non rimarranno mai a contatto con l’acqua.
Inoltre, scegliendo un vaso in plastica trasparente, le radici avranno la giusta luce naturale che permetterà un ottimo sviluppo dell’apparato radicale.

Come prima cosa, assicurati che abbia i fori di drenaggio, questa scelta eviterà accumuli di acqua molto dannosi per le tue orchidee. La soluzione migliore prevede anche un rialzo interno, come quello dei vasi Kalapanta, in questo modo sarai certo che le radici non rimarranno mai a contatto con l’acqua.
Inoltre, scegliendo un vaso in plastica trasparente, le radici avranno la giusta luce naturale che permetterà un ottimo sviluppo dell’apparato radicale.

Il materiale in cui è realizzato è ecologico, atossico e riciclabile, è leggerissimo e resistente agli urti. La superficie del vaso ha una finitura lucida resistente ai raggi UV e a temperature da -50°C a +50°C ed è facilmente lavabile.
Un’ottima scelta per la tua orchidea!
Se sei incerto su quale dimensione scegliere, scegline uno di una misura in più rispetto a quello attuale. Con un vaso troppo grande rischi che la pianta possa dedicare troppe energie al solo sviluppo delle radici anziché alla fioritura, con uno troppo piccolo che le radici non abbiano lo spazio per svilupparsi.

Il substrato, questo grande alleato.

Le orchidee non crescono nella terra ma hanno bisogno di un terriccio dedicato.

Il terriccio organico Kalapanta è ottenuto da un’accurata miscela di corteccia di pino marittimo, mescolate ad una piccola percentuale di torba bionda che soddisfa le caratteristiche richieste da tutte le specie di orchidee quali alta porosità, leggerezza, natura organica a lenta decomposizione. Assicura stabilità strutturale alle orchidee, è ideale per l’ancoraggio della pianta e garantisce la giusta umidità alle radici.

Consentito in agricoltura biologica è certificato e prodotto con innovative tecniche di coltivazione in modo da soddisfare le richieste di tutti i tipi di orchidee.

Concimare: i migliori prodotti

Volendo, puoi aggiungere del concime per orchidee alla tua pianta, scegline uno per tutte le specie di orchidee: Cattleya, Cymbidium, Dendrobium, Odontoglossum, Paphiopedilum, Vanilla planifolia, Phalaenopsis.

Il concime è un aiuto naturale per il metabolismo della pianta. Accresce la produzione di fiori e foglie, favorisce una fioritura prolungata nel tempo, riduce la caduta dei boccioli, aumenta la resistenza agli stress ambientali e alle malattie, con risultati visibili in pochi giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.